.
Annunci online

  aegaion [ l'egeo virtuale ]
         

 

 

" ed oggi ti accusiamo in faccia all'avvenir"

 


Passo e resto come l'Universo
(F. Pessoa)




"Non ho paura delle parole dei violenti
ma del silenzio degli onesti"
Martin Luther King

(segnalata da 
Dedicato , che ringrazio) 




"le anime come i corpi hanno bisogno di cibo,
dateci il pane ma dateci anche le rose

Rosa Luxemburg



 

 




 



28 ottobre 2010

Por la voz de Mercedes Sosa

Sólo le pido a Dios
Que el dolor no me sea indiferente,
Que la reseca muerte no me encuentre
Vacío y solo sin haber hecho lo suficiente.
Sólo le pido a Dios
Que lo injusto no me sea indiferente,
Que no me abofeteen la otra mejilla
Después que una garra me arañó esta suerte.
Sólo le pido a Dios
Que la guerra no me sea indiferente,
Es un monstruo grande y pisa fuerte
Toda la pobre inocencia de la gente.
Sólo le pido a Dios
Que el engaño no me sea indiferente
Si un traidor puede más que unos cuantos,
Que esos cuantos no lo olviden fácilmente.
Sólo le pido a Dios
Que el futuro no me sea indiferente,
Desahuciado está el que tiene que marchar
A vivir una cultura diferente.
 

(Gracias, Luis)




permalink | inviato da aegaion il 28/10/2010 alle 15:47 | Versione per la stampa



19 ottobre 2010

19 ottobre

Ma che ho da essere così lagnosa e tragica? Quanto tempo è che non ridevo così tanto con i miei amici!  Come si fa a non cogliere i lati comici della vita e a non condividerli ? Sembra che persino il gatto rida con me. Roma è fantastica sempre,  sono tanto felice di essere di nuovo qui. La mia città ha una dote speciale: ti spinge a cambiare sempre e comunque, non ti perdona di rimanere uguale a te stesso. Ti fa crescere, ti fa evolvere,  ti rovescia come un calzino. Fai sempre la stessa strada per andare al lavoro? Un giorno la trovi chiusa e devi subito cambiare percorso, rompendo schemi e abitudini. Parli per anni delle stesse cose con gli amici ? Ti ritrovi con un soprannome pittoresco che ti crocifigge, punendoti per la tua fedeltà alle ripetizioni. 

Oggi parlo e racconto, e uso occhiali speciali per vedere. Ma il sorriso più profondo che mi sale sulle labbra nasce da qualcosa che solo io conosco (chiamatemi MONNALISA)




permalink | inviato da aegaion il 19/10/2010 alle 20:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



16 ottobre 2010

16 ottobre

Mi sporco le dita con la penna. Prenderò un altro caffè. Mentre aspetto fumo una sigaretta... Vediamo se ho posta in entrata. Dove ho messo i miei occhiali? Sono nel cassetto delle posate (come ci sono finiti?). Un'occhiatina a qualche sito di interesse. Mmmhhh.. ho già sentito questo autore. Forse ho un libro che ne parla. Guaardaaa una vecchia foto tra le pagine di questo volume. Beh, sono più bella adesso. E' pronto il caffè, ma ho le mani sporche di inchiostro, me le lavo in bagno, ma non c'è sapone (forse sta nel frigo?). Dopo il caffè altra sigaretta.. Cosa stavo scrivendo? Riprendiamo. Un'occhiatina al vecchio blog, una sola. Cazzo, è tardi e ancora non ho finito gli appunti per la relazione di domani. Dio, mi è venuta l'ispirazione per un racconto! Altro caffè, altra sigaretta. Un pò di musica ci sta bene: l'IPod, datemi il mio IPod. Giuseppe Verdi ci sta tutto. Ora comincio, ma prima il micio deve mangiare. E ho un sms da inviare. Ma che schifo, certa roba che si legge in giro, l'italiano non è una lingua,  è uno stato mentale. Bella riflessione, questa, me la scrivo tra un appunto e l'altro,. Altra sigaretta, Va Pensiero, un sms di risposta, un gatto che legge i miei scritti, il traffico che scorre fuori dalle finestre, l'inchiostro benedetto sulle mie dita che non vuole essere lavato via, i fogli a terra, una foto, un libro aperto a metà, i miei oggetti che cercano spazi creativi. Se bussa alla mia porta Johnny Depp, con lo spazzolino da denti e il rasoio da piazzare nel bagno, stasera lo mando affanculo!




permalink | inviato da aegaion il 16/10/2010 alle 22:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



1 ottobre 2010

1 ottobre 2010

Con il mio  carico di dolore, con un mare di rimpianti, in un paese di barzelletta, senza figli nè nipoti, ma con la capacità di soffrire e di sopportare ancora, con lacrime e sorrisi impossibili da domare, con un cervello funzionante, un cuore che sa amare (provatelo!) e tante cose da fare. Tutto questo indica che sono viva, cazzo, sono viva!!!




permalink | inviato da aegaion il 1/10/2010 alle 19:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


sfoglia     agosto        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo





Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom